Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

1. Lavoro 

Il lavoro è l’unico strumento che consente ad ogni persona di avere la propria dignità. Consapevoli che nella nostra regione il precariato e la disoccupazione sembrano l’unica certezza, è altresì vero che tante risorse sia a livello europeo che nazionale/regionale non sono adeguatamente utilizzate, e comunque non tutti hanno pari opportunità di accesso. Un utilizzo efficace di tali risorse potrebbe creare sicuramente notevoli opportunità lavorative e progettuali per tutti, senza distinzione alcuna.

2. Bullismo e cyberbullismo

Il bullismo, e nella sua accezione “social” il cyberbullismo, sono tematiche che richiedono estrema sensibilità, in quanto potrebbero verificarsi in ogni aspetto della vita quotidiana: a scuola, sul lavoro, nelle attività ricreative, sociali e culturali. Il bullismo fa leva sulla debolezza della vittima, che non ha età né sesso, e potrebbe essere tutelata con maggiore sensibilizzazione verso questo problema: istituzione di centri di ascolto e di aiuto, e servizi di vigilanza sui luoghi interessati.

3. Anoressia e bulimia

Probabilmente, non tutti sono a conoscenza che l’anoressia e la bulimia rappresentano la prima causa di morte tra i giovani, e sono l’epilogo di forti disagi psicologici che vengono manifestati attraverso un uso incontrollato e dannoso del cibo.  Credo che non ci sia adeguata informazione e sensibilizzazione verso questo grave problema. La nostra soluzione è quella di creare delle strutture regionali con personale altamente qualificato che possa essere di ausilio medico e psicologico non solo ai pazienti ma anche alle loro famiglie.

4. Sanità

Il tema della sanità è estremamente complesso, e non riassumibile in poche righe, ma rimane comunque la nota più dolente della nostra regione, in quanto interessa la totalità della popolazione. Non vengono offerti adeguati servizi ai cittadini, i tempi di attesa sono eccessivamente lunghi e il personale medico specializzato è carente. Considerato che in Calabria il clientelismo ha sostituito la meritocrazia, i medici eccellenti non hanno alcun incentivo a rimanere nella loro terra di origine e quindi emigrano verso il nord Italia o verso altri Stati d’Europa. Credo sia opportuno porre in essere dei correttivi, che potrebbero migliorare la situazione attuale:

  • Ristrutturazione e valorizzazione delle strutture esistenti, perché il funzionamento delle stesse sia efficace ed economicamente efficiente per evitare sprechi di denaro pubblico.
  • Attivarsi perché le strutture più virtuose possano diventare dei veri e propri “centri di eccellenza”.
  • Incentivare la meritocrazia, perché i medici e i ricercatori più valenti rimangano nella nostra regione.

5. Lavori pubblici

L’opera più importante che serve in Calabria è la costruzione della nuova Strada Statale 106, che interessa anche la Puglia e la Basilicata, poiché la strada esistente, considerate le condizioni pessime in cui versa, è luogo di continui incidenti stradali. E’ fondamentale, quindi, il rifacimento del manto stradale e delle opere murarie che possano garantire la sicurezza dei cittadini. In secondo luogo, sarebbe importante realizzare un progetto di cui si parla da ormai tanti anni: l’Aeroporto della Sibaritide, che porterebbe benefici all’economia e la creazione di tanti nuovi posti di lavoro.

6. Ambiente

Il problema principale che interessa tutti i comuni è lo smaltimento dei rifiuti. Un modo intelligente per la gestione dei rifiuti è quello di costruire, per ogni comune, in siti accuratamente scelti e fuori dai centri abitati, dei termovalorizzatori, che, oltre ad incenerire i rifiuti stessi, nel contempo può produrre una quota dell’energia di cui necessitiamo come fabbisogno quotidiano.

7. Settore Agroalimentare

Questo settore è di fondamentale importanza, poiché in Calabria dall’agricoltura derivano tante eccellenze, e alcune di esse sono uniche al mondo, come ad esempio il bergamotto e la cipolla di Tropea. Questi prodotti devono essere promossi attraverso una politica che valorizzi il ruolo degli imprenditori, non solo attraverso le fiere, le manifestazioni e i convegni, ma soprattutto con dei contributi economici a sostegno delle nostre aziende.

8. Turismo

La Calabria vanta circa 800 km di costa, delle spettacolari montagne e altrettanti paesaggi. Nonostante questo, le presenze turistiche sono sempre inferiori alle aspettative, poiché non c’è cultura sul “fare turismo”, ma neanche sufficienti incentivi ai vari operatori del settore. In questo contesto, una soluzione potrebbe essere la creazione di “reti di imprese”, per offrire migliori servizi a prezzi competitivi e incentivare i turisti a ritornare in Calabria.

 

 

Desideri informazioni?

Scrivici e verrai ricontattato nel più breve tempo possibile.
Un nostro collaboratore sarà a tua disposizione per ogni esigenza

Clicca qui...

Search

logo-calce-mp.png
Movimento Popolare
Lavoro e Dignità
Partita IVA: 01670970787
© 2020 - Tutti i diritti riservati



Powered by 






Newsletter

Inserisci la tua mail...

Search